rivista internazionale di cultura

Scrittura momentista

Momentismo all’estero | 2006

Ten Minutes Scots

(Di seguito una selezione dei racconti 
momentisti scozzesi. Traduzione di Livia Giunti)

Laura Hird | Bette Bell | Iain Bahlaj Brian Reid
 Murray RobertsonDerek Ramsay | Margaret Elphinstone 
Cathy Campbell Kara Kellar Bell | Karen Adam


Laura Hird | Inverness
Mercoledì 19 aprile 2006 | 17.50 – 18.00

Passano otto mucche ammucchiate in un campo, poi campi su campi di mucche radunate più o meno allo stesso modo in piccoli gruppi. Sono su un minibus e sto facendo ritorno all’Arvon Writing Centre di Moniack Mhor dopo una magica giornata trascorsa a guardare i delfini di Moray Firth con l’Art Angel Group di Dundee. Tre minuti fa abbiamo oltrepassato la pensione Kilmory di Glenurquhart Road a Inverness, dove andavo sempre in vacanza da piccola con i miei genitori e i nostri cari amici Margaret e Jack. Superando il canale di Caledonia proseguiamo con la distesa mozzafiato di Loch Ness alla nostra sinistra, accanto a un bar in cui sono caduta e ho battuto la testa mentre sceglievo un dolce, a undici anni, durante una di quelle vacanze. Ho ancora la cicatrice a forma di mezzaluna sulla fronte.
Dopo giorni di pioggerellina e grandine, è stato un pomeriggio mite e il sole è splendido. Le mie dita sono appiccicose del cioccolato delle ciambelle che Jim, del gruppo, ha gentilmente preso per noi quando ci siamo fermati a comprare carta e penne dopo esserci resi conto che non saremmo arrivati al centro in tempo per i dieci minuti in cui l’esercizio andava fatto. Loch Ness è bello e imponente. Sono su un’altura e sto per attraversare in macchina un posto che rappresenta un periodo molto felice della mia vita, prima del cinismo, dell’alcool e della morte delle quattro persone che hanno reso così speciali le mie vacanze d’infanzia quassù. Se il mostro decidesse finalmente di manifestarsi, adesso sarebbe il momento perfetto. Torniamo su per la strada scoscesa che riporta nella natura selvaggia, cioè la strada che riporta a Moniack Mhor. Una macchina dietro di noi suona forte il clacson ma siamo al sicuro. Jim, che ha fatto il conto alla rovescia fino alle 17.50, ora in cui l’esercizio doveva iniziare, adesso conta alla rovescia fino alle 18.00 quando finisce. “5… 4… 3… 2… 1… Smetti di scrivere e vomita!”


Tratto da Storie 60 – Ten Minutes Scots (Leconte 2006)

momentismo-banner
the-kingdom

A FUOCO | l'eccezione

Storie online: cultura dall'Italia e dal mondo. Ogni giorno

error: