rivista internazionale di cultura

Recenseide

Tiziana Mattia “Scanner”

  • 11 marzo 2016
  • 12:43

Voltata l’ultima pagina t’immagini di vederli comparire tutti insieme, come gli attori di una compagnia teatrale alla fine dello spettacolo o come i personaggi di “Big Fish” (Tim Burton) che dopo aver abitato un sogno lungo l’intero film si scuotono di dosso il favoloso torpore da cui erano avvolti per smattia-scannervelarsi dal vivo in un epilogo più che mai corale. Lo stesso potrebbero fare le “persone che la vita ha trasformato in personaggi” raccontate da Tiziana Mattia in “Scanner” (Multimedia Edizioni 2005, € 10).

Sono ventisei ritratti di teramani già pubblicati nel corso degli anni sul mensile Piazza Grande e qui riproposti in versione antologica. Storie che da Teramo arrivano pure molto lontano perché, si sa, dalla provincia c’è sempre qualcuno che parte, mentre un altro riappare e altri ancora rimangono a guardare. E questo libro traccia appunto gli spostamenti, gli approdi e i ritorni, celebra i trionfi e narra il frattempo.

Così leggiamo di Amedeo Di Giovanni, romano acquisito e “sarto principe”: cucì gli abiti di Amedeo Nazzari, Anna Magnani e Roberto Rossellini, che gli affidò persino una piccola parte in “Paisà”. Per altri invece, l’abbiamo detto, Teramo è stato il punto di partenza ma anche quello di arrivo. Come per Pasquale Cozzi che da apprendista calzolaio nella città natale è finito, e solo per dirne una, sulla riva della Senna a vendere bozzetti a Picasso, e ora eccolo di nuovo immerso nella quiete delle campagne abruzzesi a intarsiare il legno.

Ma c’è anche chi da casa non si è mai allontanato, elevandosi a testimone della propria terra da osservatori tra i più privilegiati. Francesco Di Polidoro, per esempio, storico coiffeur di un salone che ha visto sfilare tutta la Teramo che conta. O Lucia Pedicone, supertifosa del Teramo calcio e instancabile balia della squadra nel corso di ben trentadue anni di allenamenti e trasferte, promozioni e sconfitte. Comunque sia andata, tutti in qualche modo alle proprie origini sono tornati. Se non altro, attraverso l’orgogliosa “scansione” che ne fa l’autrice su queste pagine.
(G.Bo.)


• Multimedia Edizioni, via dell’Arco 7 – Teramo
www.piazzagrandeonline.com
www.libreriapalmieri.com

leMAG-banner

A FUOCO | l'eccezione

Storie online: cultura dall'Italia e dal mondo. Ogni giorno

error: