rivista internazionale di cultura

Recenseide

Terry Zwigoff “Crumb”

  • 24 giugno 2015
  • 14:59

Donne senza testa dalle cosce muscolose, genitori che si prodigano per fottersi i figli, poppanti che dondolano su ignari stinchi materni con la loro erezioncina. Ritagli dal mondo terry-zwigoff-crumbdisegnato di Robert Crumb, leggendario creatore di fumetti underground (Fritz the Cat, Zap, Mr. Natural, ecc).

Pare che Terry Zwigoff gli sia stato addosso sei lunghi anni per girare il documentario “Crumb” (Columbia 1999). E si è pure detto che Robert, man mano che si vedono intervistati i parenti stretti, inizia a sembrare – ma solo per contrasto – un esempio di sanità mentale. Può darsi, ma meglio lasciare alla telecamera i dettagli domestici che riguardano le vite bizzarre dei suoi fratelli Charles e Maxon (meno famosi ma anch’essi dotati con inchiostro e grafite) e della loro tirannica genitrice.

Immagini impietose che compongono un universo familiare indelebile come i segni da grafomane che pullulano sul quaderno di Charles, morto suicida un anno dopo l’epoca in cui è ripreso. Ci piace pensare che sia lui il vero protagonista di questo documentario, uno di quei fratelli maggiori cui si rubano le passioni. Non sarà un caso se a lui Zwigoff ha dedicato “Crumb”.
(Barbara Pezzopane)


CRUMB (USA, 1994)
Regia Terry Zwigoff; fotografia Maryse Alberti; con Robert Crumb, Aline Kominsky, Charles Crumb

Guarda Robert Crumb con il fratello Charles in “Crumb”:

leMAG-banner

A FUOCO | l'eccezione

Storie online: cultura dall'Italia e dal mondo. Ogni giorno

error: