rivista internazionale di cultura

Recenseide

Rod Stewart & The Faces vinassa vinassa blues!

  • 8 marzo 2016
  • 13:58

Ecco a voi il gruppo che ha inventato i Rolling Stones prima dei Rolling Stones. I Faces nacquero dalle ceneri degli Small Faces. Il loro primo vagito sapeva di luppolo. Eppure, quest’affabile orda di avvinazzati ha bruciato (date alla mano) Jagger e Richards sbellicando il blues prima che gli Stones ne facessero un canone puramente sesso, droga e rock’n’roll abbandonando il rhythm’n’blues degli esordi.

the-faces

La storica formazione dei Faces: (da sinistra) Rod “The Mod” Stewart, Ian “Mac” McLagan, Kenneth “Kenney” Jones, Ronnie “Plonk” Lane e Ron “Ronnie” Wood

Erano i primi anni settanta, da una parte c’era la vita delle rockstar con la sua folle corsa al denaro e all’anarchia, dall’altra c’era la rinuncia, soltanto la rinuncia. Quegli epicurei dei Faces scelsero la folle corsa al denaro e all’anarchia. Ma di corsa arrivò anche la rinuncia. Si sciolsero nel ‘75. Il loro era il miglior rock’n’roll in circolazione ma si sciolsero lo stesso.

Perché? Perché Rod Stewart poteva far da solo, perché Ron Wood era uno Stone nato e lì andò a parare, perché Ronnie Lane voleva cantare di più e poi s’ammalò di sclerosi multipla, perché Kenney Jones alla fine decise di suonare la batteria negli Who orfani di Keith Moon e soprattutto perché il loro ebbro rock che sarebbe piaciuto a Hemingway, i loro testi romantici, la voce bizantina di Stewart, lo stile sexy di Wood, il buon senso di Lane, tutti i tamburi scalmanati di Jones e le tastiere colte di McLaghan non potevano sopravvivere alla creatura che avevano gestato e partorito: i Rolling Stones.

Ora a commemorare la loro gloria passata ci hanno pensato non tanto una scalcagnata reunion (con Mick Hucknall dei Simply Red alla voce!), quanto due antologie che ripescano anche ritagli grezzi e fronzoli di studio, “Five Guys Walk Into A Bar…” e “You Can Make Me Dance, Sing Or Anything: 1970-1975”.
(Alfonso Pasti)


→ Ascolta “Five Guys Walk Into A Bar…”:

The Faces, proprio loro:
http://en.wikipedia.org/wiki/Faces_(band)
http://the-faces.com/

♫ I Faces dal vivo al Marquee Club di Londra nel 1970:

leMAG-banner

A FUOCO | l'eccezione

Storie online: cultura dall'Italia e dal mondo. Ogni giorno

error: