rivista internazionale di cultura

Recenseide

Quentin Dupieux “Wrong Cops”

  • 8 marzo 2016
  • 16:59

Un film crudo, che mostra il lato oscuro dei tutori della legge, in una Los Angeles senza regole: erba spacciata all’interno di ratti vivi, un uomo ferito a morte per errore che viene scarrozzato tra un bagdupieux-wrong-copsagliaio e l’altro, fino a trovarsi sul divano di un produttore musicale a presentare il frutto della sua collaborazione con un poliziotto deforme, omicidi insoluti, ricatti ed estorsioni. Ma anche tanta musica techno, visto che il regista Quentin Dupieux è più conosciuto come Mr. Oizo, quello di Flat Beat.

Una regia asciutta, con toni caldi stile anni ‘70 e numerose sfocate e zoomate a dare un tocco di reality. Dire che è una parodia di Pulp Fiction sarebbe riduttivo, dire che è un omaggio al trash sarebbe offensivo. È una pellicola surreale, demenziale, grottesca, e decisamente fuori dai canoni. Non c’è nessuna morale, se non quella di passare un’ora e mezzo di bizzarro divertimento nel folle immaginario di uno degli artisti più eclettici in circolazione, per usare un eufemismo. Da vedere in una domenica piovosa.
(Francesco Cardarelli)


WRONG COPS (USA, 2013)
Regia Quentin Dupieux; soggetto e sceneggiatura Quentin Dupieux fotografia Quentin Dupieux; con Mark Burnham, Eric Judor, Steve Little, Marilyn Manson, Eric Wareheim

Guarda il trailer:

leMAG-banner

A FUOCO | l'eccezione

Storie online: cultura dall'Italia e dal mondo. Ogni giorno

error: