rivista internazionale di cultura

Recenseide

Native Sun “Eargasms. Crucial Poetics”

  • 16 giugno 2015
  • 12:38

I poeti di New York prendono la parola. “Eargasms” (CD, Ozone Music 1999) è un esperimento di Slam Poetry che risale all’estate del 1996, quando un gruppo di autori e musicisti afroamericani si alterna ai microfoni nello studio di registrazione di Native Sun – organizzatore dell’evento –, sulla Flatbush Avenue. Ci sono i duri e puri dell’area rap e eargasms-crucial-poeticship-hop (Righteous Cartel, Mike Ladd, Company Flow); gli artisti destinati a imporsi sulla scena culturale americana (Saul Williams); le voci femminili del movimento (Sara Jones, Jessica Care Moore); il misticismo chiassoso – figlio degli anni settanta – col mito del ritorno all’Africa (Diaspora, Sharrif Simmons).

Oggi, dice Native Sun, in tutte le città dell’“Amerikkka” i poeti hanno preso a riunirsi nei caffè, nelle librerie, nelle scuole, nei teatri e nei parchi, ovunque ci sia un pubblico disposto ad ascoltarli. Per salvarsi dalla mentalità autodistruttiva che rischia di piegare la comunità. Non solo per colpa delle gangs o della droga. Ma pure dalla cattiva abitudine di insultarsi e svalutarsi, purtroppo molto in voga tra i fratelli neri. Native Sun e i suoi, invece, chiedono rispetto. Che sia musica, letteratura, sport. O spoken word. Non è importante come. L’importante è farlo. Un atto politico. Costruire la Nazione degli uomini e delle donne. Che nessuno potrà più ridurre a un dispregiativo “niggas & bitches”.
(Lucio Severi)


Guarda il cortometraggio di Blitz the Ambassador & Terence Nance dedicato a Native Sun

A FUOCO | l'eccezione

Storie online: cultura dall'Italia e dal mondo. Ogni giorno

error: