rivista internazionale di cultura

FUMETTI

Andrea Pazienza: una mostra al porto antico di Genova per celebrare l’insuperato Paz

  • 26 luglio 2013
  • 12:21

GENOVA – Più di cento tavole originali per raccontare l’opera di Andrea Pazienza, questo il senso della mostra al Museo Luzzati nel Porto Antico di Genova in programma andrea-pazienzafino al 7 ottobre.

Dall’incontenibile slang di Pentothal a quel carissimo uomo in rivolta che era Zanardi, dalla poetica di Pompeo all’ironia di Pertini (il suo personalissimo Pert col quale intrattenne un’amicizia inattesa eppure fruttuosa), e poi Astarte, l’amicizia nata in quel di Pescara con un altro grande interprete del fumetto italiano, Tanino Liberatore.

Un’occasione preziosa per celebrare il genio di Paz e per farlo conoscere a chi non ha vissuto il bilico appassionante fra gli anni settanta e gli ottanta, una stagione attraversata dal fermento e da un attivismo romantico solo a tratti sconclusionato.

“Andrea era il capostipite di una grande scuola che non ha avuto poi nessun allievo prediletto perché era inimitabile, un talento irripetibile”, ha detto Roberto Benigni.
(V.P.)


Approfondimenti >

Storie

altri approfondimenti >
StorieMAG

English dept >

Storie

more >
momentismo-banner

Storie da leggere >

Storie

altre Storie da leggere >

A FUOCO | l'eccezione

Storie online: cultura dall'Italia e dal mondo. Ogni giorno

error: