rivista internazionale di cultura

Corsi

IL PROGRAMMA E I TRADUTTORI

Tradurre per studiare di Daniela Daniele
(traduttrice, insegna Letterature anglo-americane all’Università di Udine)

Testo a fronte: intervista didattica con Franco Buffoni
(poeta e traduttore, è professore ordinario di Critica Letteraria e Letterature Comparate presso l’Università degli studi di Cassino)

ouyang-yu

Ouyang Yu: “L’inglese è una lingua assai determinata dai verbi, lo è molto più del cinese”

Tradurre le frasi idiomatiche di Ouyang Yu
(poeta, traduttore, insegna alla Shanghai University of International Business and Economics)

Itinerario di traduzione guidata a cura di Barbara Pezzopane
(editor della rivista Storie e di Leconte)
con testi inediti (corredati di traduzione e di un commento tecnico alla stessa) di Joyce Carol Oates , T.C. BoyleBulbul Sharma, Russell Banks, Rudy Rucker, Paul HorsfallAndré Brink, Jerry Stahl, Kevin Smith, Ariel Dorfman, Neil SimonThurston Moore, Robert Coover, Lydia Lunch, Giannina Braschi e Joseph McElroy.

Tradurre Paul Auster intervista didattica con Massimo Bocchiola
(traduttore, poeta e consulente editoriale)

L’arte della traduzione di Letizia Ciotti Miller
(traduttrice)

Lo Zen e l’arte di tradurre di Marco Simonelli
(traduttore e poeta)

Come si comincia a tradurre per un grande editore di Andrea Pagnes
(performer, critico d’arte e traduttore)

Traducendo Mary Morris di Lia Giachero
(insegnante, storica dell’arte e traduttrice)

Guida alla sopravvivenza nella giungla della traduzione letteraria di Daniela Liucci
(giornalista e traduttrice)

Il Gioco di Francis. Appunti su una traduzione di Marco Simonelli

Indice ragionato di risorse web per la traduzione


I TRADUTTORI

Daniela Daniele – docente di Letterature anglo-americane all’Università di Udine. Per anni si è occupata dei problemi del romanzo nord-americano contemporaneo in relazione alle nuove tecnologie, alla postmodernità e allo spazio metropolitano. Ha scritto su sistemi culturali e su tramiti tecnologici, e ha condotto studi sugli artisti della performance americana Robert Smithson e Laurie Anderson, su Thomas Pynchon, Donald Barthelme, sul pastiche post moderno americano e su Grace Paley. Ha tradotto e adattato per la radio il racconto di Donald Barthelme “Le foto” (Rai Radio Uno), “Camera oscura” di Susan Daitch (Linea d’ombra n. 55), “Esilio” di William Gass, (Linea d’ombra n. 76), “Swing, Billie” di Alexis De Veaux (Derive Approdi n. 8) e la raccolta di racconti “Materia prima” di Mary Caponegro (Leconte). Per Einaudi, ha curato il volume “Undici settembre. Contro-narrazioni americane”. Fa parte del comitato editoriale di Storie dal 2001.

Ouyang Yu – è nato in Cina e vive a Melbourne. Poeta, scrittore, traduttore e critico letterario, è direttore della rivista letteraria Otherland e docente di Lingua e letteratura inglese alla Shanghai University of International Business and Economics. Sue poesie sono state incluse a più riprese nelle raccolte “The Best Australian Poems” e in altre prestigiose antologie poetiche. È autore di oltre ottanta volumi fra poesia, narrativa e saggistica, sia in inglese sia in cinese. Tra questi ricordiamo “On the Smell of an Oily Rag: Speaking English, Thinking Chinese and Living Australian” (Wakefield Press) e le poesie di “Self Translation” (Transit Lounge). Christina Stead, Xavier Herbert, Germaine Greer e David Malouf sono fra gli scrittori australiani tradotti da Ouyang Yu.

Letizia Ciotti Miller – traduttrice e critico letterario. Ha curato la traduzione di alcuni dei più importanti scrittori di lingua inglese del Novecento (Saul Bellow, Bernard Malamud, Philip Roth, Vladimir Nabokov, l’Antologia di Spoon River di Edgar Lee Masters, fra gli altri). Si è anche occupata della versione italiana di significativi film americani (da “Cinque pezzi facili” di Bob Rafelson a Platoon di Oliver Stone fino a “Good Morning Vietnam” di Barry Levinson). Nel 2005 è prematuramente scomparsa, faceva parte del comitato editoriale di Storie dalla fondazione della rivista.

Barbara Pezzopane – editor di Storie e della casa editrice Leconte. Per le collane Trovatori e The Write Side, ha curato, fra gli altri, Cattedrali/Cathedrals di Raymond Carver e Tess Gallagher, “Charles Bukowski a botta sicura” e “Più morto che vivo” di Gerald Locklin, “Paradoxia. Diario di una predatrice” di Lydia Lunch e l’antologia Pomeriggio/Afternoon. È responsabile del coordinamento didattico dei Corsi di traduzione di Storie.

Marco Simonelli – poeta e traduttore. Ha tradotto per Leconte “L’uomo che faceva persone” di H.E. Francis, “Bukowski a botta sicura” di Gerald Locklin e “Mezzanotte a vita” di Jerry Stahl (tutti usciti nel 2007). È autore del racconto in versi “Memorie di un casamento ferroviere del ‘66” (Florence Art), di “Notturno per grondaia e fili della luce” (Gazebo), “Giorni verdi” (Lietocolle), Sesto Sebastian (Lietocolle) e “L’estate sta finendo” (Leconte). Nel 2007 ha ricevuto il Premio Nazionale per la Traduzione del Ministero per i Beni e le Attività Culturali

pagnes

Andrea Pagnes: “Mi erano stati offerti i mezzi e le possibilità per capire che questa professione si basa sostanzialmente sulla tenacia (nel perseguire) e il piacere (di farla), sull’umiltà nei confronti di un qualsiasi testo come sulla facilità di passare da un argomento all’altro (cosa che però si ottiene solo con l’esercizio costante)”

Andrea Pagnes – artista, scrittore, critico d’arte e traduttore. Collabora con Storie e Leconte dal 2007. È autore di “Verso Samain” (Helvetia 1988), “Uno studio sugli affreschi di San Giovanni Decollato” (Helvetia 1987), “Azione Poetica” (1992) e “The Fall of Faust” (VestAndPage 2010). Dal 2006, con Verena Stenke, forma VestAndPage, duo che opera nel campo della performance e della video arte. Tra i loro progetti: “FRAGILE – global performance chain journey” (2010), che coinvolge 750 artisti in 63 paesi, e la trilogia “SIN∞FIN THE MOVIE” (2010-2012) realizzata in location remote come l’Antartide, l’India, il Kashmir, la Patagonia e la Terra del Fuoco. Per Garzanti ha tradotto “Jurassic Park” (1990) con Maria Teresa Marenco.

Lia Giachero – specializzata in Storia dell’arte e dottore di ricerca in Storia e Critica dei beni artistici e ambientali. Interessata al ruolo delle donne nelle avanguardie storiche, ha scritto saggi sulle futuriste e sulle artiste del gruppo di Bloomsbury. Ha curato la pubblicazione degli scritti autobiografici di Vanessa Bell (“Sketches in Pen and Ink. A Bloomsbury Notebook”) e, nel 2004, l’edizione italiana di “Virginia Woolf and Fascism” di Merry M. Pawlowski per la casa editrice Selene (con la quale ha pubblicato anche “Vanessa Bell. L’ape regina di Bloomsbury”). Per Leconte ha tradotto “Revenge” di Mary Morris.

Daniela Liucci – giornalista e traduttrice. Laureata in Scienze Politiche, ha collaborato con numerose testate, da Freequency a Marie Claire. Ha tradotto “Alabama Wildman” di Thurston Moore, “Paradoxia. Diario di una predatrice” di Lydia Lunch (entrambi per Leconte), “Tutto accadde in una notte” di David Levithan e Rachel Cohn (Mondadori Ragazzi) e il testo teatrale “Yellowman” di Dael Orlandersmith. Esperta di musica e televisione, è anche autrice del libro “Ben Harper. Like a King” (Arcana).

INTERVISTE DIDATTICHE con

Franco Buffoni – poeta, traduttore e docente. Nel 1989 fonda la rivista Testo a fronte. Dal 1994 dirige il Centro permanente di poesia e traduzione patrocinato dalla Comunità Europea e dal Ministero per i Beni culturali e le attività culturali, ed è professore ordinario di Critica Letteraria e Letterature Comparate presso l’Università degli studi di Cassino. È anche direttore del semestrale Trame. Nel 1995 riceve il Premio della Presidenza della Repubblica ed entra a far parte dell’International Advisory Board del semestrale The Translator. Fra le sue numerose pubblicazioni, ricordiamo la silloge “Nell’acqua degli occhi” (Guanda), “Quaranta a quindici” (Crocetti) e “Nella casa riaperta” (Campanotto).

Massimo Bocchiola – traduttore, poeta e consulente editoriale. Fra gli scrittori da lui tradotti, ricordiamo Irvine Welsh, Nick Hornby, Don DeLillo, Charles Bukowski, Jack Kerouac, Thomas Pynchon, Martin Amis e Paul Auster. Come poeta esordisce nel 1992 con “Prima che i gatti” (in “Poesia italiana, terzo quaderno italiano”), cui seguono “Al ballo della clinica” (Marcos y Marcos) e “Le radici dell’aria” (Guanda). Nel 2003 ha ricevuto il Premio Nazionale per la Traduzione 1997-2002. Ha collaborato con Nuovi argomenti.

→ Leggi l’edizione inglese di Storie

artisti-crisi

Storie online: cultura dall'Italia e dal mondo. Ogni giorno

error: