rivista internazionale di cultura

CINEMA

  • CINEMA Jeanne Moreau e l’enigma (finalmente) risolto di “Jules e Jim”

    Il film di Truffaut (e non solo) l’ha resa immortale, ben più della “musa glamour” della nouvelle vague. Nella storia lecita e avvilita di Helen Hessel, la donna che amava Jules e Jim, c’era tutto il fascino cerebrale di un’attrice colta e sempre generosa…

  • CINEMA Canicola? Nell’Austria flaccida di Ulrich Seidl il caldo è raggelante quanto chi spera di portare il bikini

    Gli austriaci della periferia viennese escono dalle loro tane su terrazzini, lastrici, lembi di prati disadorni. Su tutto una luce abbacinante. Ville a schiera e condomini lontani dalle pietre miliari dell’architettura secessionista, dalle visioni permanenti lasciate dai Wagner, i Loos, gli Hoffmann. Benvenuti al raccapricciante solleone mitteleuropeo di “Canicola” di Ulrich Seidl…

  • CINEMA Diane Keaton e Woody Allen, l’amore sta conficcato nelle parole (e a Manhattan)

    Una storia d’amore e un grande sodalizio artistico, cosa chiedere di più ai sentimenti? Innamorati e complici, Diane e Woody sono solo un ragazzo e una ragazza come tanti che sul far di una sera d’estate stanno seduti sui gradini di un museo imponente a ridere, dire le solite cose, fantasticare sui lussuosi attici prospicienti […]

  • CINEMA “L’estate assassina”, dal romanzo di Japrisot al film scandalo di Becker

    “Incendiarie” fu l’aggettivo ricorrente quando nel 1983 uscì “L’estate assassina” di Jean Becker. Riguardava Isabelle Adjani, superstar del cinema francese, fino a quel momento vestita di tutto punto in film d’autore. Il pubblico la ricordava nelle vesti dimesse e struggenti di Adele H, la figlia di Victor Hugo folle di un amore vano…

  • CINEMA Javaheri e Mohebi: “Per cambiare le cose in Iran e Afghanistan ci vogliono i giovani”

    “Conobbi Soheila Javaheri e il marito Razi Mohebi all’incirca un anno e mezzo fa durante un mio viaggio a Trento, dove la coppia di registi abita con il figlio. Al tempo seguivo un gruppo di rifugiati che era stato oggetto di manifestazioni razziste e mi sentivo afflitta dallo sconforto. Con loro abbiamo parlato di cinema […]

  • CINEMA Storia lecita e avvilita di Helen Hessel, la donna che amava Jules e Jim

    La Catherine del film di Truffaut è la Kathe del libro di Henri-Pierre Roché, cioè la Helen della sua vita. Helen Grund, tedesca bionda dagli occhi azzurri, pittrice, giornalista, traduttrice (anche di “Lolita”) viveva tra la Francia e la Germania. Due volte sposata e due volte divorziata da Franz Hessel (Jules) ma ininterrottamente e follemente […]

  • CINEMA Storie di Rainer Werner Fassbinder: “Nei miei film, l’amore scatena sempre violenza e viceversa”

    “La paura mangia l’anima”: l’integrazione non è scontata per Fassbinder, meno che mai quando la lotta è fra poveri ● Fassbinder attore nell’edizione restaurata del “Baal” di Schlöndorff, tratta dal primo testo teatrale scritto da Brecht ● C’è il sentimento e c’è il dominio ● Come ha imparato (ed elaborato) la lezione Spike Lee ● […]

  • CINEMA Jack Nicholson (e Nietzsche): “Non vale la pena di leggere nulla che non sia scritto nel tuo sangue”

    C’è chi gli rimprovera l’istrionismo e chi ne apprezza il carisma. La retorica dunque propone alcuni dilemmi: attore o regista, divo o interprete? Ma in questa intervista esclusiva il sinistro protagonista di “Shining”, “Qualcuno volò sul nido del cuculo” e “The Departed” ruota attorno a un pensiero quasi definitivo sul ruolo filosofico dell’attore…

  • CINEMA Whit Stillman, l’anima del rampollo newyorkese è marcia e naturalmente classista

    In comodi salotti newyorkesi, i bamboccioni di una borghesia decadente ma non decaduta, straparlano di politica, letteratura e filosofia (di classe). Come se l’educazione upperclass abbia corrotto la loro giovinezza. Whit Stillman li mette in mostra sfidando la pazienza dello spettatore, e di Giulia Borioni, che non possono che detestare questa gioventù verbosa e classista […]

  • CINEMA Robert Crumb, perché la mamma è la prima paura (e la famiglia la seconda)

    “Crumb” è l’inquietante documentario di Terry Zwigoff sul geniale disegnatore underground raccontato anche attraverso la sua bislacca famiglia. Imperdibili i dettagli domestici sulle vite bizzarre dei suoi fratelli Charles e Maxon (pure loro dotati con inchiostro e grafite) e della loro tirannica genitrice…

English dept >

Storie

more >
VestAndPage-Sinfin

Storie da leggere >

Storie

altre Storie da leggere >
momentismo-banner

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo qui sotto. Ti verrà inviata una mail di conferma.

e-learning
il-paroliere

Prossimamente

leconte-film

A FUOCO | l'eccezione

Storie online: cultura dall'Italia e dal mondo. Ogni giorno

error: